venerdì 16 ottobre 2020

La capo dell'ufficio o la capa dell'ufficio?


 Forse sarebbe bene che i lessicografi del vocabolario Treccani in rete (ma anche altri dizionari dell'uso) "riguardassero" il lemma capo specificando che il femminile regolare e corretto è capa. Alla voce in questione si legge: 

«2. a. Persona che dirige, che è posta al comando di altre persone (in quanto il capo, cioè la testa, è la parte principale e più nobile del corpo; in questo sign., la parola può essere invariabilmente riferita, come titolo, anche a donna che eserciti tale funzione): cdello stato, il più alto organo dello stato (in Italia, il presidente della Repubblica); cdel governo, il presidente del Consiglio dei ministri, spec. durante il regime fascista (oggi comunem. denominato presidente del consiglio); cd’istituto, chi soprintende all’andamento didattico, educativo e amministrativo di una scuola o istituto d’istruzione (...)». 

Tra i vocabolari consultati il Garzanti e "Sapere.it" attestano il lemma femminile. Istruttiva la nota d'uso di quest'ultimo: «Il femminile regolare di capo, nel significato di persona che esercita un comando o dirige un’impresa, è capa, e così si può chiamare una donna che svolge tale funzione; tuttavia, poiché questa forma ha spesso un uso scherzoso, molti preferiscono chiamare anche una donna capo, al maschile. Si tratta di una scelta, però, che può creare nel discorso qualche problema per le concordanze». 

I sostantivi maschili in "-o", insomma ─ come si sa ─ nella forma femminile mutano la desinenza maschile "-o" in quella femminile "-a": il sarto/la sarta, il cuoco/la cuoca, il ragazzo/la ragazza. Non si capisce, quindi, per quale motivo "logico-sintattico-grammaticale" capo non dovrebbe prendere la desinenza del femminile. La capa dell'ufficio, pertanto, è a tutti gli effetti in regola con le leggi della lingua. La capa suona male? Basta farci l'orecchio, come per la ministra, per la sindaca, per la prefetta ecc.

2 commenti:

Panfilo N. (Varese) ha detto...

Chi ha detto che abbiamo fatto l'orecchio a ministra, sindaca, predetta ecc.?

Enzo ha detto...

Faccio davvero fatica ad accettare il femminile di capo. Il capo infatti è colui (o colei) che comanda, che dirige. E' una metafora in riferimento alla parte anatomica del corpo umano, ed è maschile. Il femminile "capa" ha origni dialettali per indicare la testa, ma non è il massimo in un perfetto italiano (è decisamente più elegante scrivere "non posso voltare il capo" anziché "non posso voltare la capa"). A rigor di logica quindi si oserebbe scrivere "Maria è la braccia destra del gruppo"?