Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 2 febbraio 2017

Tempo d'influenza


Riproponiamo un nostro vecchio articolo sulla "nascita linguistica" dell'influenza per accontentare numerosi lettori che ci hanno scritto in proposito.



Ci siamo. Il grande malanno di stagione, l’influenza, è alle porte: i telegiornali ne parlano ogni giorno e ci propinano consigli su come prevenire o affrontare il problema che, molto spesso, è causa di angoscia per le mamme che hanno i figli piccoli i quali, con le persone anziane, sono i più esposti al… pericolo.
Vogliamo vedere, cortesi lettori, che cosa è questa
influenza che ogni anno costringe a letto migliaia di persone procurando un danno incalcolabile all’intera economia nazionale tanto da essere considerata, se non cadiamo in errore, una malattia sociale?
Dal punto di vista linguistico, ovviamente, perché quello medico è noto a tutti; se non altro basta consultare un qualunque vocabolario e leggere alla voce in questione: malattia epidemica infettiva acuta, contagiosa, delle vie aeree superiori, di origine virale. Si manifesta con febbre associata ad infiammazione anche delle vie digerenti. Questo, appunto, il significato
scoperto, cioè quello medico. E quello coperto, cioè linguistico? Perché, dunque, influenza? Che cosa influisce sul nostro organismo?
Per scoprirlo occorre rifarsi – come quasi sempre in fatto di lingua – al padre del nostro idioma, il nobile latino. Per l’esattezza al verbo
influère passato in lingua volgare (l’italiano), con cambio di coniugazione, nella forma a tutti nota, influire. Il verbo latino influère, dunque, composto con il prefisso in (dentro) e fluère (scorrere, fluire) alla lettera significa scorrere dentro: in quel luogo influiscono (scorrono dentro) due fiumiciattoli.
Questo verbo (
influire) fu adoperato, in seguito, dagli studiosi di astrologia del Medio Evo i quali con influire volevano significare lo scorrere, in senso figurato, dei raggi stellari sulle persone esercitando un’azione negativa o positiva sulla natura e sul destino degli esseri umani.
Ed è attraverso quest’ultimo
passaggio semantico che è nato il significato estensivo che oggi si dà comunemente al verbo influire: agire direttamente o indirettamente su qualcuno in modo da determinare particolari effetti o conseguenze; agire con una certa autorità sopra una persona, determinando a nostro piacimento gli sviluppi o le azioni.
Da
influire è stato fatto, con il trascorrere del tempo, il sostantivo influenza che, in senso proprio, è lo scorrere di un liquido in qualche cosa e, in senso figurato, l’azione esercitata da qualcuno su luoghi, persone o fenomeni: la forte personalità della madre influenzò, per tutta la vita, il carattere del figlio.
A questo punto il vocabolo
influenza fa la sua trionfale entrata nel linguaggio medico e acquisisce il significato di «malanno che scorre dentro l’organismo umano: un germe patogeno che influenza il nostro corpo».
Aggiungiamo, per curiosità, che il vocabolo fatto proprio dai medici italiani si è diffuso in tutta Europa, specialmente dopo l’epidemia influenzale del secolo XVIII che, oltrepassando gli italici confini invase dapprima la Francia poi, via via, gli altri paesi del vecchio Continente.



 ***

 La parola, di ieri, proposta da "unaparolaalgiorno.it": stravizzo.

Nessun commento: