mercoledì 24 agosto 2016

Sempre sulla "lingua biforcuta" della stampa

Da un quotidiano in rete, a diffusione nazionale:
-----------------
Che cosa c'è di strano? Si domanderanno i nostri amici lettori. Lo strano è nell'orrore grammaticale rappresentato da "cercasi risorse". Non si tratta di un "si impersonale" come potrebbe essere, per esempio, "si parla francese". In questo caso siamo in presenza di un "si passivante", con tanto di soggetto (risorse), il verbo, per tanto, deve essere plurale. Le risorse (soggetto plurale) "subiscono" l'azione di "essere cercate". Si dirà ("si impersonale") correttamente, quindi, "cercansi (o si cercano) risorse in legge di stabilità" (non capiamo il senso della S maiuscola). Si veda, in proposito, anche questo nostro modesto intervento di qualche anno fa.

martedì 23 agosto 2016

Decantare e... decantare





La parola del giorno proposta da "unaparolaalgiorno.it": decantare.

lunedì 15 agosto 2016

Buon Ferragosto


Un sereno Ferragosto 2016 agli amici assidui frequentatori di questo portale

venerdì 12 agosto 2016

Un orrore accademico "cruscano"

Navigando nel sito della Crusca siamo rimasti allibiti nel vedere che codesta prestigiosa  Accademia considera invariabile l'aggettivo multilingue:

Dizionari multilingue

·         ProZ

·         WordReference

La forma corretta è, ovviamente, "dizionari multilingui". Il DOP, in proposito, non ha peli sulla lingua; specifica, chiaramente, che il plurale è "-gui" (multilingui). Sarebbe interessante conoscere le motivazioni addotte dai linguisti dell'Accademia circa l'invariabilità del predetto aggettivo. Si veda qui e qui. Dimenticavamo: il sito, che dovrebbe tutelare la lingua italiana, è "pieno zeppo" di barbarismi, tra cui "link utili".

martedì 9 agosto 2016

Ancora sulla "lingua biforcuta" della stampa

Abbiamo segnalato ai responsabili di un importante quotidiano in rete lo strafalcione grammaticale che campeggia nel titolo ("e" luce), speriamo che apportino l'emendamento.

Siria, Onu chiede tregua umanitaria su Aleppo
"Due milioni di civili sono senza acqua e luce"

Secondo la "legge" grammaticale, quando si escludono due cose la congiunzione correlativa a senza è "né" (non la "e"), come si può leggere anche nel vocabolario Treccani in linea: «(...) Quando si escludono due cose, la congiunzione correlativa a senza è , più raram. o: lo tennero in cella tre giorni, s. mangiare né bere; è uno strozzino, s. pietà né riguardo per nessuno (meno spesso, s. pietà o riguardo)».

*
Dal medesimo quotidiano:
----------------
Ci sembra evidente che la persona che viene strangolata muore per soffocamento...

 

domenica 7 agosto 2016

Rivoluzione e insurrezione

Gentile dott. Raso,
un mio amico sostiene che "rivoluzione" e "insurrezione" hanno due significati distinti; io, invece, ritengo i due termini essere l'uno sinonimo dell'altro. Ho ragione? C'è di mezzo una scommessa. Grazie della sua cortese disponibilità e un cordiale saluto.
Severino P. 
Brescia
---------------
Cortese amico, ha vinto la scommessa. Si tratta, in effetti, di una sinonimia che i linguisti definiscono "approssimativa"; sotto il profilo etimologico i due termini hanno "natali" diversi. Le faccio "rispondere" anche da Ottorino Pianigiani: rivoluzione e insurrezione.

lunedì 1 agosto 2016

C'è treno e... treno

Ecco una parola omofona (stessa pronuncia) e omografa (stessa grafia) ma con significati e "origini etimologiche" diversi: treno. Nell'accezione di "convoglio ferroviario" (quella più nota) viene dal francese, mentre nel significato, poco conosciuto (perché di uso prettamente letterario), di "lamento funebre", proviene dal greco. Vediamo ciò che dice, in proposito, Ottorino Pianigiani. Per altri significati  "secondari" si veda anche qui.

-----------------
 Nel mese di agosto questo portale potrebbe non essere "aggiornato" regolarmente.