Visite dal primo febbraio 2017

sabato 15 aprile 2017

Ancora sulla "vigilessa"


 Da un quotidiano in rete:


------------------

Non c'è nulla da fare, inutile continuare a "sgolarsi"? No, non è inutile, assolutamente no! Continueremo fino alla nausea, fino a quando la stampa non avrà "capito" - una volta per tutte - che una donna appartenente al corpo dei vigili urbani, in lingua italiana (non cispadana) si chiama "vigile", come la preside e la presidente. Quindi:  una vigile. I sostantivi in "-e" (non in "-iere", tipo consigliere, si badi bene) sono "ermafroditi": il loro "sesso" è dato dall'articolo. Il vigile/la vigile; il preside/la preside; il presidente/la presidente, il giudice/la giudice. Buona parte dei vocabolari dell'uso sembrano concordare.
 ***

Far la vita di Michelaccio

Molti nostri lettori - siamo sicuri - vorrebbero poter mettere in pratica il modo di dire di cui sopra. Perché? Perché l'espressione si riferisce a colui che vive "beatamente" campando sulle spalle degli altri. La locuzione ha una duplice origine. Scopriamola assieme. Un antico aneddoto, di autore ignoto, identificherebbe Michelaccio o Michelasso in un certo fiorentino - tale Michele Panichi - il quale, dopo una vita dedicata interamente al lavoro, si ritirò dagli affari e scelse di vivere... "beatamente". Secondo altri insigni Autori, invece, l'espressione deriverebbe da "miquelet", termine con il quale in Francia e in Ispagna si indicava la guida che accompagnava i pellegrini (o il pellegrino stesso) al santuario di San Michele; come dire, quindi, che le guide non lavorano, vivendo sulle spalle dei... "guidati". Aggiungiamo  - per curiosità e per completezza d'informazione - che il vocabolo su menzionato ha acquisito, in seguito, l'accezione spregiativa di "vagabondo", "brigante":  «Per carità, figliolo, guardati da quell'individuo, è un vero 'miquelet'!». Di significato pressoché affine l'espressione "essere di spalla tonda". Il tondo, in senso figurato, è sinonimo di "vagabondaggine".

***
La parola proposta da "unaparolaalgiorno.it": apoftegma.

1 commento:

Anonimo ha detto...

E perché mai uno non dovrebbe dire vigilessa, avvocatessa o anche presidentessa, certo si possono dire anche senza il suffisso -essa, ma non sarebbero ci certo i primi vocaboli italiani morfologicamente esuberanti.
E se si fa questa crociata contro il suffisso -essa, allora che si ammetta anche "la poeta" senza tanti patemi d'animo.