Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 24 novembre 2016

La lingua e la Crusca


Cosa me ne faccio della dottora, se ho già la dottoressa?
La questione coinvolge avvocatesse, soldatesse, vigilesse e tutte quelle professioni che fino a oggi si sono fatte femminili tramite il suffisso -esse. Nel volume "Il sessismo nella lingua italiana" Alma Sabatini spiegava, già nel 1987, la natura ironica e fortemente dispregiativa di quel suffisso. Ecco perché è preferibile, oggi, procurarsi un'avvocata, arruolarsi come soldata e pregare che la vigile non si accorga che mentre guidate senza cintura, vi state facendo i selfie e state chattando con chiunque. (Si clicchi qui).
--------------------
L'Accademia della Crusca in collaborazione con il quotidiano la Repubblica - come ormai sapete - ha messo a punto alcuni "test" per "saggiare" la conoscenza della lingua italiana, seguiti da alcuni consigli. Peccato, però, il constatare che qualche consiglio di questa prestigiosa istituzione, difensora dell'italico idioma, sia infarcito di parole barbare oltre che di qualche "improprietà" linguistica. Andiamo con ordine. Perché selfie quando c'è l'italianissimo autoscatto? E perché chattando in luogo di chiacchierando? Oltre tutto quest'ultimo termine non è né inglese né italiano... Non sarebbe stato meglio, allora, scrivere, italianamente,"ciattando"? Quanto all'improprietà (per non dire "errore") ci riferiamo al chiunque, non adoperato a dovere in questo contesto. Per non essere tacciati di presunzione diamo la "parola" al linguista Aldo Gabrielli. «(...) Essendo pronome relativo è errore usarlo assoluto, senza che congiunga due proposizioni; non si dirà perciò: "Lo dirò a chiunque", ma: "Lo dirò a chiunque vorrò", "a chiunque vorrà ascoltarmi"; "a chiunque potrò" e simili, o anche si ricorra a "ogni persona, chicchessia, tutti" ecc.».

Nessun commento: