Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 14 aprile 2016

Camminare (o andare) a gallina

A notte inoltrata, non appena il rag. Pasquini entrò in casa e mosse i primi passi per recarsi in camera da letto la consorte notò - tra il dormiveglia* - che ancora una volta il marito non aveva resistito alla forte tentazione di andare a gallina con i suoi vecchi amici. Pasquini tentò di rassicurarla dicendole che si sbagliava, ma piú parlava, piú aggravava la situazione: balbettava e inciampava dappertutto. La moglie, dunque, non aveva dubbi: il marito era proprio andato a gallina. L'espressione "camminare (o andare) a gallina" - indubbiamente poco conosciuta - significa ubriacarsi. Non si conosce la provenienza di questo modo di dire; la sua origine, cioè, è sconosciuta agli studiosi e a quanti, per diletto, si interessano di etimologia. La spiegazione che tenteremo di dare circa la sua provenienza è, quindi, strettamente personale e si rifà alla migliore razzolatrice del pollaio che è, appunto, la gallina. Questa, come si sa, quando razzola non va mai dritta nella stessa direzione, ma ora da una parte ora da un'altra. La persona ubriaca, per tanto, "va a gallina", vale a dire che - in senso figurato - si comporta come questa: quando cammina brancola e va ora da una parte ora dall'altra.

* È interessante notare, sotto il profilo linguistico, che nei "tempi andati" questo sostantivo era di genere femminile: la dormiveglia.

***

La parola che portiamo all'attenzione dei lettori è: edúlio. Sostantivo maschile, "sfrattato" dai vocabolari dell'uso, che vale "companatico".

2 commenti:

Eletta Senso ha detto...

Sempre interessanti i tuoi post. Conoscere la nostra lingua, ora talmente inflazionata dall'inglese, è sempre un piacere.
Grazie per il tuo proficuo lavoro.
Buon proseguimento
Eletta

Fausto Raso ha detto...

Grazie a te.
FR