Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 31 dicembre 2015

Portare la lettera (o la missiva) di Bellerofonte

Qualche lettore avrà sperimentato sulla propria pelle - con molta probabilità - il modo di dire sopra citato. L'espressione si riferisce, infatti, a colui che è latore di una missiva contenente notizie spiacevoli per sé stesso. La locuzione è tratta dalla mitologia greca. L'eroe corinzio Bellerofonte, durante il dorato esilio a Tirinto presso il re Preto, respinse con decisione le profferte d'amore della consorte del  re. La regina, offesa e infuriata, lo accusò, allora, di avere tentato, con ogni mezzo, di sedurla. Il re, per tanto, meditò di vendicarsi dell'affronto inviando il giovanotto presso il suocero Iobate con l'importante incarico di recargli un messaggio. La lettera, sigillata - ovviamente - conteneva la richiesta di condannare a morte chi l'avesse recapitata. Iobate, però, prima di esaudire il volere del genero, volle sottoporre Bellerofonte a prove difficilissime;  prove che il giovane superò brillantemente. Il sovrano, incredulo e pieno d'ammirazione per quell'eroe, invece di metterlo a morte, come avrebbe desiderato il  genero re Preto, lo colmò di doni e gli dette in sposa la sua secondogenita.

***

Altro giro... altra "perla" del "correttore" di "Virgilio.it":

Parole
Correttore ortografico

 

     Scrivi una o più parole  


Risultati per: ovverossia

ovverossia: Parola Corretta 

La corretta, ovviamente, è con una sola "s" (ovverosia). Il vocabolo in questione è composto con le congiunzioni "ovvero", che non produce geminazione, e "sia".

Ancora. 
Parole
Correttore ortografico



     Scrivi una o più parole  



Risultati per: fin'ora

fin'ora: Parola Corretta 

La parola corretta è senza apostrofo: finora.

Nessun commento: