Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 20 febbraio 2014

Abbrutire e abbruttire



 Riteniamo utile ricordare che i due verbi in questione non sono sinonimi, sebbene molti - erroneamente - li ritengano tali e li adoperino indifferentemente. Entrambi sono verbi denominali, poiché derivano da un sostantivo (nome), ma hanno significati distintiIl primo, abbrutire (con una sola “t”), significa  “rendere (qualcuno) simile a un bruto”, quindi  “avvilire”, “degradare” e simili: la droga lo ha abbrutito. Il secondo, abbruttire (con due “t”), è intuitivo, sta per  “rendere o diventare brutto”, quindi “deturpare” e simili: le troppe preoccupazioni lo hanno abbruttito. Ambedue, nel corso della coniugazione, prendono l’infisso  “-isc-” in alcuni tempi e modi.

***
La parola che proponiamo oggi è un aggettivo di provenienza "barbara": falòtico. Si adopera in campo letterario e sta per "fantastico", "stravagante", "balzano".

Nessun commento: