Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 17 aprile 2013

La selafobia





Cortese dott. Raso,
la ringrazio per la sua tempestiva ed esauriente risposta circa la “scotofobia”. Approfitto, ora, della sua non comune disponibilità per altri due quesiti. Uno riguarda le fobie, l’altro la grammatica. Sento sempre piú spesso dire “piú intimo”: il mio piú intimo amico. È corretto? Intimo non è di per sé un superlativo assoluto? E vengo alla fobia. Quale termine indica la paura dei lampi, dei fulmini? Certissimo di una sua gentile ed articolata risposta, la ringrazio anticipatamente e le porgo i miei piú vivi ossequi.

Giovanni T.
Gorizia

----------
Caro amico, le rispondo con piacere. Comincio dal quesito grammaticale. Effettivamente intimo è già superlativo e non si potrebbe alterare ancora. Con il trascorrere del tempo, però, questo aggettivo ha perso il suo valore di superlativo (di derivazione latina) assumendo solo quello di aggettivo positivo con i relativi gradi di comparazione: «I suoi piú intimi pensieri» (Gaspare Gozzi). Quanto alla paura dei fulmini, dei lampi il termine è “selafobia” (dal greco “sélas”, luce e “fòbos”, timore, paura).

Nessun commento: