Visite dal primo febbraio 2017

lunedì 24 settembre 2012

Infilar le pentole

Il modo di dire che avete appena letto ha lo stesso significato degli altri piú noti e, quindi, piú adoperati: “restare al verde”, “essere in bolletta” ed “essere povero in canna”. Chi va a infilar le pentole, dunque? La persona che improvvisamente cade nella miseria totale e alla quale non resta altro da fare che meditare sulle pentole… vuote. Infilare, in questo caso, assume il significato di ‘mettere in fila’, ‘allineare’: il povero in assoluto può solo infilar le pentole, vale a dire le può allineare ma non… riempire. L’espressione acquista anche, in senso figurato, il significato di “cadere da uno stato sociale alto a uno basso”. Nei tempi andati si usava anche assolutamente: ‘E l’ha infilate’. Espressione riferita alla persona che falliva e, quindi, cadeva in miseria. Ai falliti, purtroppo, non restava altro che ‘infilar le pentole’, cioè contarle e basta. Gli amici blogghisti non piú tanto giovani avranno ancora viva l’immagine degli accattoni che portavano – infilata nella cintola – una pentola o scodella, per lo piú di latta, con la quale andavano a prendere la minestra nei vari conventi.




Nessun commento: