Visite dal primo febbraio 2017

domenica 27 settembre 2015

Parallelo / parallelismo (in linguistica)

Egregio dott. Raso,
 cortesemente può dirimere il seguente quesito. Per relazionare due fatti si dice: facendo un parallelo o facendo un parallelismo?
Grazie e cordiali saluti.
Salvo G.
(Località non specificata)
--------------
Gentile Salvo, in linea di massima i due termini possono considerarsi sinonimi. È preferibile però, in buona lingua, fare un distinguo. Useremo "parallelismo" per indicare un rapporto di analogia fra due o più fatti, fenomeni ecc. Adopereremo "parallelo" quando intendiamo fare un confronto, una comparazione, un paragone tra due o più fatti, opere e simili: un "parallelo" tra le opere del Pascoli e quelle del Carducci. Per "relazionare" due fatti, quindi, dobbiamo vedere - prima di usare parallelo o parallelismo - cosa vogliamo mettere in evidenza: l'analogia o il confronto.

***

Risolto e risoluto

I termini sono entrambi participi passati del verbo risolvere. Il primo si adopera nel significato proprio del verbo: il problema è stato brillantemente risolto. Il secondo, in funzione aggettivale, nell'accezione di "pronto", "deciso", "fermo" e simili: è un uomo risoluto e forte.

***

Segnaliamo un pregevole articolo di Giuseppe Antonelli sul "perbenismo linguistico".

Nessun commento: