Visite dal primo febbraio 2017

domenica 11 gennaio 2015

Andare a zonzo e fare una cosa senza capo né coda non avendo sale in zucca

«Se anziché andare sempre a zonzo avessi studiato un pochino di piú, non avresti fatto un tema senza capo né coda; hai proprio poco sale in zucca», sbottò, con sdegno, il prof. Bonazzoni. Il solito Pierino rimase interdetto, poi, con un filo di voce, sussurrò: «Non vado a zonzo, vado a Palestrina dove mia nonna ha un orticello in cui coltiva le zucche e io mi diverto a metterci il sale; il sale, quindi, ce l'ho, professore». Vi risparmiamo, gentili amici blogghisti, il commento del docente alle parole di Pierino, che aveva scambiato la locuzione "a zonzo" addirittura con una località. Cerchiamo di vedere, invece, l'origine e il significato dei suddetti modi di dire (per coloro che non li conoscono, ovviamente). Cominciamo proprio con "zonzo" che non è un... paese ma una locuzione che significa "a spasso", "andare qua e là senza una meta" ed è la riproduzione onomatopeica del volo di alcuni insetti, come le zanzare, per esempio. Quanto alle espressioni "senza capo né coda" o "fare una cosa senza capo né coda", una cosa, cioè, senza una logica, un criterio; oppure fare una cosa "stramba" che non ha né un principio né una fine, provengono dall'antico modo di dire "essere come il pesce pastinaca". Questo tipo di pesce, del gruppo delle "razze aculeate", si presenta appiattito e non è possibile, quindi, distinguere la testa dal tronco dato che formano un tutt'uno. Non appena viene pescato gli si mozza la coda che è fornita di un aculeo pericolosissimo; sui banconi del mercato, per tanto, si presenta... senza capo né coda. Per quanto riguarda l'espressione "avere poco sale in zucca", vale a dire non essere molto intelligente, diamo la parola - per la spiegazione - al "re" dei modi di dire, Ludovico Passarini: «Bisogna sapere che... in queste frasi è presa non la zucca fresca e verde... ma la zucca disseccata, vuotata di semi e aperta da capo o nella pancia, entro la quale sogliono le massaie poverelle tenere il sale».  

Nessun commento: