Visite dal primo febbraio 2017

venerdì 22 giugno 2018

Scrittoio e scrivania "pari non sono"


I due sostantivi (scrittoio e scrivania) - anche se i vocabolari ci smentiscono - non sono l’uno sinonimo dell’altro; non si “potrebbero”, quindi, adoperare indifferentemente. Il primo termine indica lo studio, la stanza, cioè, dove si scrive. Deriva, infatti, dal tardo latino “scriptorium”, di qui l’italiano antico “scrittorio”. Lo “scriptorium”, dunque, era la sala del convento dove i frati amanuensi copiavano i manoscritti. La scrivania, invece, indica il tavolino, la tavola, il mobile per scrivere ed è un denominale provenendo da “scrivano”, il “tavolino dello scrivano”. Dovremmo dire, per tanto, volendo essere particolarmente pedanti, rispettando l'etimologia, “che il dr Pasquali si è recato nello scrittoio per prendere gli occhiali dimenticati sulla scrivania”.

***

La parola proposta da questo portale, non a lemma nei vocabolari dell'uso (dal "sapore" un po' volgare, di cui ci scusiamo): merdacchio. Sostantivo maschile, indica la parte terrosa dell'allume. Si veda anche qui.

Nessun commento: