Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 16 maggio 2018

Fa, locuzione avverbiale di tempo


Se saremo tacciati di presunzione dai grandi linguisti - qualora si imbattessero in questo sito - la cosa ci lascerà nella "piú squallida indifferenza" e andremo sempre avanti per la nostra strada. Tutti i cosí detti sacri testi (grammatiche e vocabolari) che abbiamo consultato definiscono il lemma "fa" anche un avverbio di tempo. No, amici, questo "fa" non è un avverbio ma una locuzione avverbiale di tempo perché adoperato assoluto (da solo) è una parola vuota*, non ha alcun senso, come lo hanno, invece gli avverbi di tempo "ieri", "oggi", "domani", "sempre", "mai" ecc. Una riprova? Posso dire correttamente, e ha un senso: domani andrò a trovare il mio vecchio compagno d'armi; ieri sono stato al cinema assieme a mia moglie; siamo sempre stati contrari a quell'unione. Provate a sostituire domani con fa; ieri con fa e sempre con fa e vedrete che le frasi in oggetto non hanno alcun senso. Fa, da solo, quindi, non avendo un senso non può essere un avverbio. Questo fa, dunque, è la terza persona singolare del presente indicativo del verbo fare che, preceduto necessariamente da un altro elemento, forma, appunto, una locuzione avverbiale con il significato di "passato", "avvenuto", "compiuto": due giorni fa (ora si compiono due giorni) ho rivisto un vecchio amico. Non si accenta mai trovandosi sempre in posizione tonica.

* Parole vuote

***

La parola proposta da questo portale, ripresa dal GDU (De Mauro): diapasma. Sostantivo maschile con il quale si indica una "polvere profumata". Si veda anche qui.

Nessun commento: