Visite dal primo febbraio 2017

sabato 14 aprile 2018

Vieppiú? Per carità! Una sola «p»


I "revisionisti" del vocabolario Gabrielli in rete hanno proprio deciso di far rivoltare nella tomba il compianto professore ritoccando "in peggio" il suo vocabolario. Nel "nuovo" Gabrielli si legge, infatti, che l'avverbio "viepiú" si può scrivere anche con due "p" (vieppiú). «viepiù
[vie-più] vie piùvieppiù.
avv. lett. Sempre più, molto più: vidi Sansone / vie più forte che saggio Petrarca». Grafia condannata dal Gabrielli nel suo "Il museo degli errori":
«Volendo fare della locuzione avverbiale di più (che è la forma piú comune) una sola parola, bisogna scrivere dipiù, con una sola p.  E questo per la semplice ragione che la preposizione di non vuole in nessun caso il rafforzamento sintattico e di conseguenza il raddoppiamento della consonante scritta. Analogamente scriveremo  digià e non “diggià” (ma piú comunemente di già),  difatti e non “diffatti” (meno comune di fatti), didietro e non “diddietro” (ma anche di dietro), dipoi o di poi, ma non “dippoi”, disopra e disotto, o di sopra e di sotto, ma non “dissopra” e “dissotto”. Uguale errore molti commettono con l’avverbio composto viepiù (anche scisso vie piú) che assai spesso vediamo scritto vieppiù. Anche questo vie, infatti, antica alterazione di via usata come rafforzativo dei comparativi, non richiede mai il raddoppiamento della consonante iniziale. Analogamente scriveremo viepeggio (o vie peggio) e viemeglio (o vie meglio), e non “vieppeggio” e “viemmeglio”: ma qui l’errore è piú raro data l'ormai vieta pedanteria di queste due espressioni».


Abbiamo riscontrato il medesimo orrore nel De Mauro, nel Garzanti e nello Zingarelli. Il Sabatini Coletti - stranamente - non attesta l'avverbio in questione.

Nessun commento: