Visite dal primo febbraio 2017

domenica 11 marzo 2018

Roboante? "Piú corretto" reboante

                   

Il vocabolario Gabrielli in rete e il "Si dice o non si dice?" (dello stesso Gabrielli, ci sembra, ma probabilmente ritoccato dai suoi revisionisti) non concordano sulla grafia (e, quindi, sulla dizione) dell'aggettivo "reboante". Il vocabolario condanna, senza mezzi  termini, la grafia (anche se in uso) roboante.  Il "Si dice o non si dice?", invece, la "promuove". Che fare? Seguiamo le indicazioni del vocabolario: reboante (anche per una ragione etimologica, non esistendo il prefisso ro-). Ecco il vocabolario: reboante
[re-bo-àn-te] err. roboante. agg. (pl. -ti) . 1 Rimbombante: suono, voce r.
CONT. sommesso. 2 fig., spreg. Altisonante, retorico, sonoro ma di poca sostanza: oratoria, prosa r. Ed ecco il "Si dice o non si dice?":
Noi diciamo roboante, e non ci piove. Sicuri del nostro buon italiano, consideriamo chi usa reboante prigioniero di un italiano dialettale. E invece ha ragione lui. L’aggettivo deriva dal latino reboansreboantis, participio presente di reboare, rimbombare, verbo composto del prefisso intensivo re- e di boare, risonare, echeggiare (da cui anche il nostro boato). Poiché un prefisso intensivo ro- non esiste nella nostra lingua, sembra inspiegabile la nascita di roboante e la sua vittoria su reboante (tutt’al più avrebbe potuto nascere ri-boante). Eppure è andata così. È la dimostrazione del fatto che la lingua non nasce sul tavolo dei grammatici ma in mezzo alla vita, a volte anche da inspiegabili incidenti. Ma se una spiegazione proprio vogliamo trovarla, ebbene diciamo che roboante è onomatopeico: quelle due o appesantiscono la parola, rendendo l’effetto di un maggior frastuono.
·         Quest’ultima osservazione è convincente: teniamoci roboante. Ma nessuno potrà impedirci di fare i fighi (vedi giovani: una lingua “esagerata”) con reboante.


Nessun commento: