Visite dal primo febbraio 2017

domenica 18 marzo 2018

"La" monarca? E chi lo vieta?!


Anche se nell'uso prevale la forma maschile il sostantivo "monarca" si può 'femminilizzare' (la monarca, con il rispettivo plurale le monarche) essendo un nome cosí detto epiceno (ambigenere), come alcuni sostantivi in "-a": il pediatra / la pediatra; il pianista / la pianista; il giornalista / la giornalista; lo stilista / la stilista ecc. In proposito, però, buona parte dei vocabolari e tra questi il Devoto-Oli, il Treccani, il Palazzi,  lo Zingarelli, il Gabrielli, il Sabatini Coletti  e il DOP, attestano esclusivamente il maschile. Sono sia per il maschile sia per il femminile, invece, il De Mauro e il Garzanti. Anche se le opinioni dei vocabolaristi divergono e i "possibilisti" (maschile / femminile) sono in minoranza non si può certamente bollare di scorrettezza questo termine. Nessun "linguista d'assalto", dunque, potrà lanciare i suoi strali contro chi lo usa.

***

La parola proposta da questo portale: daghesciare. Verbo che sta per "raddoppiare una o piú lettere" mentre si parla. Non è schiettamente di origine italiana.   

1 commento:

Monmartre ha detto...

Buon giorno,
considerando che anche il Treccani parla delle farfalle, mi pare strano che non sia previsto esplicitamente il femminile. Non è raro «le farfalle monarche» o «ho visto una monarca».
È meno comune da noi, ma non è necessaria una lunga ricerca per trovare “la monarca” nella storia inglese: http://www.easylondon.it/tag/regina-elisabetta-ii.


Cordialmente

Monmartre Angeloise