Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 25 maggio 2017

Un gruppo di bambini "giocava" o "giocavano"?


Ci siamo imbattuti, casualmente, in un sito che tratta di "questioni linguistiche"  rimanendo sconcertati. Perché? Perché "dissertando" sull'accordo del verbo con i nomi collettivi il responsabile del portale ammette una sola possibilità. No, le possibilità sono due. La "legge grammaticale" consente di mettere il verbo tanto nella forma singolare tanto in quella plurale quando il collettivo è seguito da un complemento di specificazione. È corretto, infatti, dire o scrivere sia "un gruppo di bambini giocava in giardino" sia "un gruppo di bambini giocavano in giardino". Dal sito in questione:
Che verbo useremo per un nome collettivo? Ho voluto scrivere questo post perché noto spesso, sia leggendo qua e là che ascoltando le perle di saggezza alla televisione, l’uso della persona singolare, quando invece ci vorrebbe il plurale.
Facciamo degli esempi per chiarire la situazione.
·         Una massa di dimostranti irruppero in piazza: è l’errore più comune. Il soggetto è “una massa” e è singolare. Quindi vuole il verbo al singolare. La frase corretta è: una massa di dimostranti irruppe in piazza.
·         Un’orda di uomini armati che urlavano: qui va bene l’uso del plurale, perché c’è il “che”, pronome relativo che lega gli uomini armati al verbo urlare. Se avessimo accostato il verbo al soggetto “orda”, la frase sarebbe risultata un po’ stonata: un’orda di uomini armati che urlava. Differente il risultato in quest’altra frase: l’orda di uomini armati fu distrutta. In questo caso il verbo da usare è solo il singolare.
·         Un mucchio di macerie ostacolavano la strada: altro errore frequente. D’accordo che sono le macerie a ostacolare la strada, ma non tutte, soltanto un mucchio. Il soggetto è singolare e il verbo va quindi al singolare: un mucchio di macerie ostacolava la strada. In alternativa si può scrivere: un mucchio di macerie, che ostacolavano la strada, fu tolto da un mezzo dei soccorsi. Di nuovo l’uso del pronome “che” collega il plurale di macerie al verbo plurale.
In conclusione, per non sbagliare, fate sempre attenzione al soggetto della frase, a cui deve seguire una forma verbale adatta.
Quanti di voi fanno spesso questo errore coi nomi collettivi?
----------------
No, amici, ribadiamo: con i nomi collettivi il verbo può essere tanto al singolare quanto al plurale. Nessun errore, dunque.


 



  •  

1 commento:

Matteo Rinaldi ha detto...

Caro Fausto, mi stupisce che si possa scrivere in entrambe le maniere ma, senza fiatare, mi fido del maestro.
Però continuerò a preferire e usare "una squadra di veri giocatori sa quand'è il momento di dare il massimo". A costo di essere torturato.
Matteo