Visite dal primo febbraio 2017

martedì 11 aprile 2017

Il consobrinicida


Se non cadiamo in errore, in lingua italiana non esiste un termine atto a indicare l'uccisore di un cugino. Abbiamo "parricida", che può valere tanto per il figlio che uccide il padre quanto per il padre che uccide il figlio; "matricida", per chi uccide la propria madre; "fratricida", per chi uccide un fratello e "sororicida", per chi uccide una sorella. E chi uccide un cugino come si chiama? Proponiamo all'attenzione dei vocabolaristi un neologismo che ci sembra appropriato:  consobrinicida.  È formato con il latino "consobrinus"  (cugino) piú il suffisso "-cida", da "caedere" (tagliare, uccidere). C'è da dire che "consobrino", quando nacque, indicava il cugino materno, ma, per estensione, si può riferire anche a un cugino paterno.
---------
Abbiamo "incollato" l'etimologia di consobrino proposta da Ottorino Pianigiani, sebbene molti linguisti non ritengano affidabile l' "autorità linguistica" dello stesso.
***
Per la serie "la lingua biforcuta della stampa"

Segnaliamo un articolo del prof. Michele Cortelazzo, accademico della Crusca.

Nessun commento: