Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 29 marzo 2017

Pillole di "buona lingua" (3)


Cadavere è un sostantivo, non è corretto, pertanto, il suo uso come aggettivo. Sulla stampa si leggono molto spesso frasi tipo "la donna scomparsa è stata trovata cadavere in fondo al burrone". Correttamente: la donna è stata trovata morta...
Carcere, nella forma plurale è tassativamente di  genere femminile: il carcere / le carceri.
Cerbero, sostantivo maschile e tale resta anche riferito a una donna: Giovanna è proprio un cerbero. Stessa "norma" per quanto attiene al sostantivo cireneo: Luisa è il cireneo della squadra.
Colare, nei tempi composti prende entrambi gli ausiliari, con un distinguo, però: si userà l'ausiliare essere se si prende in considerazione il liquido (il vino è colato tutta la notte dalla botte); l'ausiliare avere  riferito al contenitore (la botte ha colato tutta la notte).
Cosiddetto, si può scrivere anche in grafia analitica (due parole). Il nome che segue non va mai tra virgolette: i cosiddetti / cosí detti antagonisti (non: cosiddetti "antagonisti").
Divisa, si fa seguire dalla preposizione "di" quando il sostantivo sta per "uniforme": divisa di carabiniere, divisa di vigile urbano ecc. La preposizione "di" specifica, infatti, di "quale" divisa si tratta.
Ninnananna, si può scrivere anche in grafia analitica (ninna nanna). Nella forma plurale, tanto in grafia scissa quanto in quella univerbata, entrambe le "a" mutano in "e": ninne nanne e ninnenanne.
 ***
La parola proposta da questo portale: padulingo.  Aggettivo tratto da "padule", variante toscana di palude, sinonimo di paludoso.

Nessun commento: