Visite dal primo febbraio 2017

domenica 8 gennaio 2017

Comprare "a" minuto o "al" minuto?


Minuto, in funzione di sostantivo, indica una "piccola quantità" e unito ai verbi "comprare", "vendere" e simili - secondo i puristi - non richiede la preposizione articolata "al", ma la semplice "a": comprare a minuto, vendere a minuto, vino a minuto ecc.  Secondo Pietro Fanfani , infatti, è sufficiente la semplice preposizione per denotare la maniera come si vende. Leggiamo nel Tommaseo-Bellini:  «Vendere, Comprare a minuto, vale Vendere, Comprare a poco per volta, a libbre, a once, a braccia, ecc. M. V. 1. 57. (M.) E chi vendesse vino a minuto, dovesse pagare de' due danari l'uno al comune. Bocc. Com. Dant. 1. 191. Il padre di lui (d'Omero) in pubblica taverna fu venditore di vino a minuto. G. V. 11. 91. 2. La gabella del vino si venda a minuto, pagando il terzo fiorini 59000 [Val.] Fag. Rim. 3 253. Ne vendono a minuto a prezzi cari. T. Prov. Tosc. 107. Chi compra pane al fornaio, legna legate e vino al minuto non fa le spese a sè ma ad altri. E 107. Chi compra a minuto, pasce i figliuoli d'altri, e affama i suoi» . Se qualche nostro lettore vorrà seguire i puristi e comprare qualcosa "a minuto" non potrà, di certo, essere tacciato di "analfabetismo linguistico". Anzi...

Nessun commento: