Visite dal primo febbraio 2017

martedì 27 dicembre 2016

Ridursi alle porte coi sassi


Questo modo di dire - senza ombra di dubbio poco conosciuto fuori della Toscana - è stato "messo in atto" da ciascuno di noi, sia pure inconsapevolmente, almeno una volta nella nostra vita. Siamo sicuri, infatti, che qualche volta ci è capitato di esserci ridotti all'ultimo momento nello sbrigare una faccenda, tanto che siamo stati costretti a farla in fretta (e male) per il pochissimo tempo disponibile. "Ridursi alle porte coi sassi" significa, insomma, "fare ogni cosa all'ultimo momento". Cosí spiega quest'espressione il lessicografo  fiorentino Pietro Giacchi: «È un proverbio tutto fiorentino da ciò: gli abitatori di Firenze, specialmente quelli vicini alle porte, uscivano di città sulla sera d'estate per godere il fresco ad aria piú aperta. Alla un'ora si serravano le porte; ed il gabellotto, per risparmiare la crazia (moneta d'argento e di rame del valore di cinque quattrini, coniata all'epoca del granducato di Toscana, ndr) a chi era di fuori, avvertiva della chiusura battendo con un sasso sopra un'imposta della porta medesima. E quelli allora per essere a tempo se la davano a gambe». Potete asserire, cortesi lettori, di non esservi mai trovati in simili circostanze? Chi scrive, francamente, no.  

***

REP TV / ACCADEMIA DELLA CRUSCA

'Coccardoso, pizzettiere, bacioso'
Boom segnalazioni dopo petaloso

(cliccare sul titolo)
--------
È un peccato che a un certo punto compaia, in sovrimpressione, la scrizione "... creatività LINGUSTICA...".




1 commento:

Anonimo ha detto...

Ma all'Accademia (o a Repubblica) non rileggono i testi prima di metterli in rete?
Pasquale