Visite dal primo febbraio 2017

domenica 27 novembre 2016

Un emerito testa di...


Una cortese lettrice delle nostre noterelle (ci ha pregato di non menzionare neanche le iniziali del suo nome e cognome) con una squisita lettera si domanda e ci domanda «per quale motivo quando si vuole mettere in evidenza la stupidità di una persona o la nullità di una cosa si ricorre agli attributi maschili. Non si dice, infatti, sia pure volgarmente, che "quella cosa non vale un..." e che quell'individuo è "un emerito testa di..."?».  Gentile signora, il perché di queste espressioni triviali si perde nella notte dei tempi: da che mondo è mondo, chissà perché, gli organi genitali, nell'immaginario popolare, sono sempre stati considerati sinonimi di imbecillità e di nullità. Ce lo confermano due parole - fra le tante -  di uso comune, anche se dal "sapore" volgare: fesso e fregnone. La prima è voce napoletana, tratta da "fessa", l'organo femminile; la seconda, con la variante eufemistica "frescone", è l'accrescitivo della voce romanesca "fregno", l'organo maschile.
***
Disopra e di sopra
Entrambe le grafie, l'univerbata e l'analitica, sono corrette. È meglio, però, usare la scrizione tutt'attaccata quando la locuzione è adoperata in funzione di sostantivo per indicare la parte superiore di qualcosa: il disopra dell'ascensore;  in grafia scissa in funzione avverbiale: abitare al piano di sopra.

Nessun commento: