Visite dal primo febbraio 2017

lunedì 17 ottobre 2016

Le "file" e le "fila"


Riproponiamo un nostro vecchissimo articolo perché abbiamo notato che alcune cosí dette grandi firme della carta stampata e no (ma non solo) continuano a non "capire" la differenza che intercorre tra le file e le fila.
Chi di voi, gentili “navigatori”, non ha mai fatto una fila davanti a uno sportello bancario o a quello di un ufficio postale? Seguivate le file o le fila? In altre parole, cortesi amici e amatori della lingua, bisogna dire “file” o “fila”? Perché questi due plurali confondono le idee e fanno cadere in errori marchiani un po’ tutti?
Non c’è discorso in cui l’illustre oratore non inciampi nelle “fila del partito” o non inviti i suoi sostenitori a “stringere le fila” dove questo “fila” è errato. La nostra lingua, si sa, è piena di regole e sottoregole, di eccezioni e controeccezioni, ma forse è troppo ignorata anche da chi, per mestiere, non dovrebbe farlo: la stampa. Tempo fa, su un grande giornale d’informazione, abbiamo letto un “serrare le fila” che ci ha fatto strabuzzare gli occhi. Vediamo, quindi, di fare un po’ di chiarezza.
In italiano esiste un sostantivo femminile singolare “la fila”, cioè una “serie di persone o cose più o meno allineate una dietro l’altra” (la fila all’ufficio postale, per esempio), che ha un plurale “le file”. Diremo, perciò, che davanti a quel negozio – in occasione dei saldi – si sono formate lunghissime file (non “fila”) di persone, e che i militari rompono “le file”, rompono, cioè, il loro allineamento. Vi è, poi, un altro sostantivo di genere maschile, “il filo”, esattamente il prodotto di una filatura (un filo di lana, di cotone, ecc.) con due plurali, uno regolare maschile e uno irregolare femminile: i fili e le fila. Il plurale più comune e, per tanto, più adoperato è quello regolare: i banditi hanno tagliato i fili del telefono; alla signora hanno rubato quattro fili di perle; si sono sfilati tutti i fili delle calze. L’altro, quello irregolare (il femminile “le fila”), si adopera, generalmente, in senso collettivo per indicare più fili presi assieme: le fila del formaggio. Ma più spesso in senso figurato o traslato: le fila della congiura. Attenzione, quindi, amici, abbiamo “le file” del partito, dell’esercito, di un’associazione ecc., non “le fila”.

***
Voltastomaco: si pluralizza?
A nostro modo di vedere si pluralizza normalmente essendo un nome composto di una voce verbale (voltare) e di un sostantivo maschile singolare (stomaco), e i sostantivi cosí formati prendono la normale desinenza del plurale. Vediamo il "pensiero" di qualche vocabolario. Treccani: invariabile; Palazzi, De Mauro e DOP non specificano (quindi variabile); Gabrielli, Devoto-Oli, Sabatini-Coletti, Sandron, Zingarelli: variabile. "Pilateggiano" (invariato o plurale) Sapere.it (De Agostini) e Garzanti. Un'ultima annotazione: il plurale di stomaco può essere sia stomaci sia stomachi. I voltastomaci e i voltastomachi, quindi.

***

I lettori che ravvisino strafalcioni orto-sintattico-grammaticali in testi giornalistici possono scrivere a albatr0s@libero.it. Gli "orrori" saranno pubblicati ed esposti al  "pubblico ludibrio".

Nessun commento: