Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 15 giugno 2016

C'è allettare e... allettare

Breve viaggio attraverso l’immensa foresta del vocabolario alla ricerca di parole omofone (stesso "suono", stessa pronuncia), ma dal significato diverso, facendo tappa al verbo “allettare”. In questo caso la parola, anzi il verbo, oltre a cambiare di significato cambia anche la “provenienza etimologica”. Vediamo. Il significato principe del verbo in questione è “attirare con lusinghe, piacevolezze o promesse” ed è il corrispettivo latino “allectare”, intensivo di “allicere” (‘indurre con dolcezza a qualcosa’): l’idea di una crociera mi alletta molto (si clicchi qui). C’è da dire - per onestà linguistica - che questo verbo ha perso, oggi, la natura ‘maligna’ del suo genitore (‘prendere al laccio’, quindi ‘attrarre con lusinghe’) e vale, come testé visto, “attrarre con l’aspettazione di cose piacevoli (la crociera)”. L’altro significato del verbo è quello di “costringere al letto”, ma non ha nulla che vedere con il latino “allicere” essendo di formazione - potremmo dire - piú moderna essendo composto con la preposizione “a” e il sostantivo “letto”, dal latino “lectus” (‘giaciglio’). E concludiamo il viaggio con il vocabolo “colmo”, che può essere tanto sostantivo quanto aggettivo e con due distinti significati: “parte piú alta di una prominenza” (sostantivo) e “pieno fino all’orlo” (aggettivo). L’origine, però, è un po’ diversa. Il sostantivo, che in senso figurato si adopera anche per indicare il “grado piú alto che è possibile pensare, immaginare o raggiungere” è il latino “culmen, culminis”: il colmo della vita (l’età matura). Con lo stesso nome - e chi non lo sa? - si indica anche un particolare tipo di indovinello che si risolve, nella maggior parte dei casi, in un bisticcio di parole. Per quanto attiene all’aggettivo bisogna rifarsi, invece, al participio passato sincopato del verbo colmare: colm(at)o. La sincope, è bene ricordarlo, è la caduta di una o piú lettere nel corpo di una parola. Nel caso specifico da “colmato” sono cadute la “a” e la “t” (ed è rimasto colmo).

***
Ancora una parola non attestata nei maggiori vocabolari dell'uso, ma prettamente aulica: dimicazione. Sostantivo femminile che vale lotta, battaglia, guerra. È tratto dal latino "dimicatione(m)", dal verbo "dimicare" (lottare, combattere e simili, ma anche rischiare, mettere a repentaglio).

***

Fiorista e fioraio, gelatiere e gelataio sono sinonimi? Qui la risposta di Riccardo Cimaglia (Crusca).

Nessun commento: