Visite dal primo febbraio 2017

domenica 24 aprile 2016

"Miscellanea linguistica"

Chi sa se i nostri amici lettori delle Forze Armate, dell'Esercito in particolare, conoscono l'origine linguistica dell'...  Esercito. È un termine, questo, che viene dal latino "exercitu(m)", participio passato del verbo "exercere",  «tenere fuori (dallo stato di riposo)», quindi "far muovere". Sotto il profilo prettamente etimologico l'esercito, ossia il latino "exercitum", valeva, quindi, «(raggruppamento di uomini) tenuto in esercizio, addestrato, non a riposo». Chi appartiene all'Esercito, insomma, stando all'origine del nome, è sempre in... esercizio, non si riposa mai perché come dice, appunto, il verbo  è "(sempre) in gran movimento".
*
Due parole sulla corretta grafia dei sostantivi composti con il verbo "guardare": guardacaccia (e simili). Molti ritengono, erroneamente, che i nomi di questo tipo sono formati con "guardia" e "caccia" e scrivono, per tanto, "guardiacaccia". No, assolutamente, la vocale "i", al centro della parola, è abusiva. Si tratta di un nome composto con un verbo (guardare) e un sostantivo (caccia). Diremo e scriveremo, quindi, guardacaccia, guardaspalle, guardalinee, guardaportone, guardaparco, guardafilo e via discorrendo. La sola eccezione dovrebbe essere "guardiamarina", dove i componenti sono il sostantivo "guardia" e l'aggettivo "marina". Il termine, oltre tutto, è pari pari lo spagnolo 'guardia marina', trasportato nel nostro idioma in grafia univerbata. Negli altri casi, come abbiamo visto, è presente il verbo guardare nel senso di "vigilare".

*
Quadrumviro e quadrunviro - entrambe le grafie sono corrette.
Qualchedunoforma popolare, da evitare, per qualcuno.
Qualoracongiunzione che significa se, quando, ogni volta che, dato che, ecc., si scrive senza apostrofo.

***

La parola che proponiamo - ripresa dal Treccani - è: tiflògrafo Strumento mediante il quale i ciechi possono scrivere in modo leggibile per i vedenti; è costituito da un regolo mobile che, opportunamente manovrato, permette al cieco di conservare la dirittura delle righe e controllare la successione delle lettere.

Nessun commento: