Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 20 aprile 2016

Avere la parrucca con la coda


Questo modo di dire, oggi, essendo tramontata (quasi) la moda della parrucca, soprattutto fra gli uomini, è adoperato solo in senso figurato e si dice di persona "perbene" e reazionaria, che detesta le novità e i cambiamenti di carattere sociale e politico, ma soprattutto si usa nei confronti  di una persona bigotta (l'uomo con la parrucca, sotto il profilo semantico, è simile al misoneista). Il modo di dire trae origine dal fatto che nel XVIII secolo la moda imponeva ai gentiluomini l'uso della parrucca, elaboratissima, incipriata e terminante con un "codino", una treccina di capelli - sempre artificiali - che scendeva sotto la nuca. La rivoluzione francese vietò questa usanza prettamente nobile ma i... nobili e i realisti, non curanti, continuarono a seguire la moda per moltissimo tempo dopo. Cosí  parrucca e codino, oltre a identificare il ceto sociale, diventarono il simbolo d'un'epoca e di una precisa mentalità. Coloro che portavano il "codino" erano definiti, infatti, retrogradi, reazionari e non aperti al "progresso". La locuzione si adopera ancor oggi, soprattutto nella variante "essere un codino" e sta a indicare, per l'appunto,  colui che è avverso a ogni novità, un conservatore.

Nessun commento: