Visite dal primo febbraio 2017

venerdì 13 novembre 2015

«Piú poco»

Due parole sull'avverbio "poco" perché non sempre è usato a dovere. Poco, dunque, ha il comparativo organico  "meno" con  il superlativo, sempre organico, "minimamente". Quest'ultimo, però, nell'uso comune, è sostituito dalle forme regolari "pochissimo", "molto poco" e "assai poco". Non diremo, quindi, voglio "piú poco" pane ma, correttamente, "meno" pane. Solo nel superlativo relativo possiamo avere, ed è forma corretta, "il piú poco" anche se è preferibile "il meno": parla il piú poco possibile. Meglio, però: parla il meno possibile. Da rilevare, inoltre, che la forma tronca richiede l'apostrofo, non l'accento come, spesso, si legge: un po' di pazienza, signori! La locuzione "poco a poco" non è corretta perché ricalca l'uso d'Oltralpe; in buona lingua italiana ci vogliono due "a": a poco a poco. L'uso dell'apostrofo è facoltativo, obbligatorio solo nella locuzione "poc'anzi". Concludiamo queste noterelle ricordando che l'espressione "per poco..." richiede la negazione "non": per poco non inciampavo.

 

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Cosa intende dire con "L'uso dell'apostrofo è facoltativo"?

Fausto Raso ha detto...

Caro Anonimo,
voglio dire che apostrofare "poco" è lasciato al gusto stilistico dello scrivente. Si può scrivere, per esempio, "poc'acqua" o "poca acqua". Prendo spunto dalla sua domanda per specificare, però, che in questo caso, e in casi simili, "poco" ha funzione aggettivale, non avverbiale. Mi duole non averlo chiarito nel mio intervento.
Cordialmente