Visite dal primo febbraio 2017

venerdì 6 novembre 2015

Esser «pronti e già mangiati»

Ecco uno dei tanti modi di dire, di tradizione prettamente popolare, che si tira in ballo quando si vuole mettere in evidenza il fatto di essere in perfetta efficienza fisica e morale e pronti, quindi, a intraprendere qualsivoglia operazione senza aver bisogno di nulla. La locuzione sembra abbia origini militari: allude agli eserciti che venivano avviati alle operazioni "pronti e dopo aver mangiato" e disponibili, per tanto, per qualunque tipo di azioni. Adoperata anche nella forma non sgrammaticata, "essere pronti e dopo aver mangiato", l'espressione è riportata, in questo senso, anche da Catone.

***
Malcostume -  questo sostantivo si può scrivere anche nella forma scissa (mal costume). Il suo plurale, non tutti i dizionari lo specificano, si ha esclusivamente nella forma non univerbata, pluralizzando, quindi, entrambi gli elementi: mali costumi. È errato (?), quindi, il plurale malcostumi. Una rapida ricerca con Googlelibri dà queste occorrenze: malcostumi 128; mali costumi 1910.

Nessun commento: