Visite dal primo febbraio 2017

lunedì 14 settembre 2015

La prosopografia


Da questo portale siamo sempre stati (e sempre lo saremo) contro l'uso di parole straniere - che inquinano il nostro idioma "gentil sonante e puro", per dirla con l'Alfieri - quando c'è il corrispettivo vocabolo italiano. Ci domandiamo, infatti, per quale motivo si continui ad adoperare il termine barbaro "identikit" quando in italiano abbiamo un vocabolo (dai tempi dei tempi) che fa alla bisogna: prosopografia (descrizione delle fattezze di un individuo). È composto con le voci greche "pròsopon" (viso) e "gràphein" (scrivere).

***

La parola che proponiamo all'attenzione dei cortesi lettori è: bibliòtafo. Non è attestata nei comuni vocabolari e indica colui che tiene i suoi libri gelosamente nascosti. Si può leggere qui, comunque.

Nessun commento: