Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 26 marzo 2015

Tranellare

Gentile dr Raso,
 mi diletto a scrivere favole per bambini, favole che non vengono pubblicate ma fotocopiate e distribuite ai compagni di scuola di mio figlio. L'insegnante e il dirigente scolastico sono, mi sembra, entusiasti dell'iniziativa. Mi rivolgo a lei per un consiglio. Nella mia ultima "fatica", il protagonista cade in un tranello tesogli da una strega cattiva. Vorrei usare un verbo per esprimere il concetto: "tranellare". So perfettamente che non esiste, ma mi piacerebbe adoperarlo. Che ne pensa?
 Grazie per l'attenzione e per l'eventuale risposta.
Amerigo T.
 Sondrio

---------
Cortese Amerigo, il verbo da lei proposto esisteva ma è stato relegato nella soffitta della lingua. A mio avviso può "rispolverarlo" e usarlo come e quando vuole. A un eventuale contestatore - per farlo rientrare nei ranghi - può far visitare questo collegamento.


***

Comparire - si adopera la forma incoativa in "-sco-" (comparisco) quando significa "far bella figura": questo vestito comparisce bene. Lo stesso discorso vale per il verbo scomparire (far brutta figura): scomparisci sempre davanti agli altri.



***

Da "Domande e risposte" del sito Treccani:

PER INDICARE "INTINGERE DI NUOVO" COME È CORRETTO DIRE: "REINTINGERE" O "RINTINGERE"?

Non essendovi una regola per la selezione della forma del prefisso indicante ripetizione (re- o ri-), il consiglio è sempre quello di consultare un buon dizionario. Spesso, però, le parole meno comuni non vengono registrate nei dizionari, o non in tutti: ridare, molto comune, si trova dappertutto, mentre reintingere o rintingere no.

Ci affidiamo allora al GRADIT diretto da Tullio De Mauro, che registra come unica forma rintingere
--------------
Rintingere si trova anche nel vocabolario del Tommaseo e "immortalato" in un libro, del 1951, di Arnolfo Santelli.


 




 
 

Nessun commento: