Visite dal primo febbraio 2017

venerdì 13 marzo 2015

Io dò? E chi lo vieta?


Da "Domande e risposte" del sito Treccani in rete:

Verbo dare. Si accenta “do”, “dai”? E l'espressione “dai” col significato di su, forza?

Non si accenta do, la prima persona dell'indicativo presente del verbo dare. A che cosa servirebbe? A distinguere la forma verbale dalla nota musicale do? Ma non si accenta il pronome mi, nonostante esista la nota mi; né si accenta il pronome si per distinguerlo dalla nota si o il sostantivo re per distinguerlo dal re musicale, ecc. Dunque (io) do si scrive senza accento.

Allo stesso modo, dai non ha bisogno di accento grafico. Per distinguerlo dalla preposizione articolata? Ma sarà il contesto a sciogliere immediatamente ogni ambiguità. E sempre il contesto ci farà subito capire se dai è indicativo presente (Se dai, riceverai), imperativo presente (Dai subito la penna a tuo fratello!)o interiezione (E dai, smettila; sto bene, dai).
------------
Il DOP, Dizionario di Ortografia e di Pronunzia, contraddice l'apodittica risposta degli esperti della Treccani: la prima persona singolare del presente indicativo del verbo "dare" si può anche accentare. Chi scrive, dunque, io dò (con tanto di accento) non commette alcun errore. Quanto al "dai" interiezione (dai esortativo), si può leggere sul vocabolario Sandron: «... non di rado si usa scrivere questo termine con l'accento sulla "a" specialmente quando sia possibile l'equivoco con "dai" preposizione». Anche in questo caso, dunque, chi usa accentare l'interiezione non commette alcun "reato linguistico".

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Gentile dottor Raso,
anche le grammatiche in mio possesso concordano con quanto scritto dalla Treccani: "do" e non "dò" (basterà segnalare Serianni I.177b).
Se per lei il punto di riferimento è il Dop, ritiene corretti anche "daccordo" e "mezzora"?
Cordialmente,
EM

Fausto Raso ha detto...

Cortese EM,
il punto di riferimento non è il DOP (non concordo, infatti su "daccordo" e "mezzora") volevo solo mettere in evidenza il fatto che non si cade in errore se si accenta la prima persona singolare del presente del verbo dare (io dò).
Cordialmente
FR