Visite dal primo febbraio 2017

sabato 5 aprile 2014

Essere una mezza calzetta

I lettori campani, napoletani in particolare, dovrebbero conoscere benissimo questo modo di dire riferito a una persona di scarsissimo valore e competenza in un determinato campo, che, però, presuntuosamente (e con arroganza) si ritiene importantissima e affatto esperta. Di "mezze calzette" sono piene le scuole, gli uffici e le aziende. Ognuno di noi, quindi, è stato o sta "in contatto" quotidianamente con questi figuri. Ma perché la locuzione dovrebbe essere conosciuta soprattutto in Campania? Semplice, perché sembra che questo modo di dire sia nato a Napoli. Vediamo. Quando tra la fine dell'Ottocento e gl'inizi del Novecento vennero di moda, per le donne, le calze di seta poche potevano permettersele perché il loro prezzo era altissimo. Furono cosí inventate -  sembra nel Napoletano, appunto - le "mezze calzette". Queste calze erano molto piú "abbordabili" perché di seta avevano solo la parte inferiore, il resto era di semplice cotone, che, però,  restava "nascosto" grazie alla lunghezza delle gonne. L'espressione è passata, in seguito, a indicare - con uso metaforico - una persona di poco valore e presuntuosa, insomma, una... "mezza calzetta". E a proposito di calze, come non ricordare l'espressione - per la verità di uso prettamente popolare - "tirare le calze", vale a dire morire? Non avete mai sentito dire: «Poverino, dopo tanto soffrire ha tirato le calze»? In locuzioni del genere - si intuisce - le calze stanno per "gambe", con chiara allusione ai movimenti convulsi (delle gambe) che possono compiere alcune persone mentre esalano l'ultimo respiro. 

Nessun commento: