Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 12 giugno 2013

Dare il sapone

Roberto uscí dal colloquio con il primo dirigente dell’ufficio assunzioni con gli occhi stralunati, era sconvolto, fuori di sé; non riusciva a capire il motivo per il quale non era stato assunto nonostante avesse “strabiliato” – con la sua preparazione professionale – tutti i componenti l’ufficio assunzioni. Non riusciva a darsi pace, aveva un impellente bisogno di lavorare per mantenere la sua famiglia composta di moglie e cinque figli. Strada facendo si ricordò di una frase che gli disse un amico qualche giorno prima del colloquio, frase che, lí per lí, non afferrò: «Quando sarai convocato dal dirigente non dimenticare di portare con te un po’ di sapone, ti sarà utile al momento opportuno». All’improvviso ne capí tutta la sua “portata”: era un modo di dire per fargli intendere che avrebbe dovuto fare un “pensierino” al dirigente. “Dare il sapone” significa, infatti, ‘dare generose ricompense a chi esercita un ufficio per ottenere un trattamento di favore’; significa, insomma, per parlar fuori di metafora, “corrompere qualcuno”. Puccio Lamoni, nelle note linguistiche al “Malmantile racquistato” (un poema burlesco), cosí spiega la locuzione: «Come nell’insaponare una carrucola (una corda) o una ruota si facilita il veicolo, e si fa che non strida». Con lo stesso significato si usano le espressioni “dare la busterella”, “ungere il grifo”, “dare l’unguento di zecca”, “buttar l’osso a qualcuno”: dare una mancia favolosa (come si fa con i cani per non farli abbaiare).  

Nessun commento: