Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 18 aprile 2013

Centra e... c'entra

Navigando in Internet ci siamo imbattuti in un sito (www.apollodoro.it) che tratta di problemi linguistici. Gli abbiamo dato una rapida scorsa e abbiamo notato alcune imprecisioni, per non dire errori, che vanno emendate per non far cadere in… errore i fruitori del sito stesso. “Apollodoro” scrive:


• A me mi piace vs A me piace: a me e mi significano la stessa cosa in questo caso, inutile e sbagliato ripeterli.

• Un pò vs Un po’: è uno dei pochi casi di troncamento in cui ci vuole l’apostrofo, l’accento non centra nulla.

• Eccoci tornati con un nuovo dubbio con cui la grammatica italiana miete molti vittime. Si scrive glielo o gliel’ho? Qualcuno si chiede anche se si scrive glielo gliel’ho o glie lo, andiamo dunque a vedere quale sia la forma corretta. Diciamo subito che glie lo è sbagliato: non si scrive staccato, da dove mai dovrebbe derivare la parola ‘glie’? Provate a cercarla sul dizionario: non la troverete. E questo perché è una parola che non esiste, quindi almeno questo dubbio è risolto.

• Eccoci di ritorno a un nuovo dubbio della grammatica italiana: si scrive d’altronde o daltronde? La settimana scorsa ci eravamo concentrati su una difficoltà lessicale che non ha delle regole ben precise: l’uso della d eufonica, che avevamo analizzato qui. Questa volta vogliamo capire se si scrive d’altronde o daltronde. Ovviamente bisogna subito dire che l’unica forma corretta è d’altronde, con l’apostrofo: se avete un correttore ortografico attivo, vi sarete resi conto che vi sottolinea sempre la parola daltronde quando la scrivete. Questo non perché si sia incaponito a rendere la vostra pagina un coacervo di lineette ondulate rosse, ma perché effettivamente non è la forma giusta.

Andiamo per ordine con gli “emendamenti”:

A me mi piace non è bello stilisticamente ma non si può considerare un errore.

Un po’, giustissimo l’apostrofo, ma il verbo “centrare” non… c’entra.

Glie lo non è affatto errato, anzi sarebbe da preferire per analogia con le forme “me lo”, “te lo”, “ve lo” ecc.

Daltronde è forma meno comune di “d’altronde”, ma non errata.
È lo stesso caso, insomma, di “d’accordo” e “daccordo” e di altre parole che, comunemente, si scrivono con l’apostrofo anche se la grafia univerbata non è considerata errata.


Dal sito “webbando.com”:

La forma senz’altro corretta è D’accordo (ad es. “sono d’accordo con quanto hai suggerito…”). Attenzione però! Perché usare la forma unita, daccordo, non è scorretto, ma raro. È infatti consentito anche il suo utilizzo secondo il Dizionario di Ortografia e Pronunzia, ripreso dalla Accademia della Crusca, ovvero l’istituto nazionale per la salvaguardia e lo studio della lingua italiana, considerato l’organo più autorevole al riguardo (Ad es. Lei è Daccordo con quello che ha appena esposto“).

Ma il caso riguardante il duplice utilizzo di D’Accordo e Daccordo non è l’unico in cui ci si ritrovano due termini, uno più utilizzato, l’altro considerato forma rara, ma non errore. Ecco altri esempi che aiuteranno il lettore a chiarire ulteriori dubbi: a fianco (forma più utilizzata) e affianco (affianco a me c’è un altro personaggio molto noto) che è registrato con rimando alla forma separata. D’altronde e Daltronde (Daltronde questa idea era venuta anche a me), la quale è indicata come forma meno comune, poc’anzi e pocanzi (pocanzi è uscito), sempre indicata come forma meno comune, e infine senzaltro (senz’altro), tuttaltro (tutt’altro) e tuttoggi (tutt’oggi) sono indicate come forme rare. (Senzaltro giungerò puntuale a quell’appuntamento; Ho detto tuttaltro rispetto a quello che ha riportato; a tuttoggi non ho ricevuta alcuna notizia al riguardo). Il nostro consiglio è comunque quello di utilizzare sempre le forme più utilizzate ed eleganti, evitando quelle rare. (Abbiamo corretto alcuni errori di battitura del testo).





Nessun commento: