Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 9 gennaio 2013

Tal'altro? Orrore!


Un altro orrore dei “ritoccatori” del vocabolario di Aldo Gabrielli in rete. Secondo costoro “talaltro” si può apostrofare: tal’altro. Speriamo che il Maestro non si accorga di questo strafalcione: si rivolterà nella tomba. Vediamo, dunque, con il copincolla il Gabrielli in rete:
 talaltro

[ta-làl-tro] o tal'altro
pron. indef.
Qualche altro (in correlazione con talùno e con talvòlta): taluno gridava, t. taceva; talvolta inganna il tempo giocando, talaltra leggendo.
L’illustre glottologo, nel suo “Dizionario Linguistico Moderno” scrive, invece: «…non richiede mai l’apostrofo davanti a parola che comincia con vocale: tal altro, tal amore, tal ira….» E conclude, proprio, condannando tal altro con l’apostrofo: «… errore è quindi scrivere, come invece spesso si vede, tal’altro, tal’amore, tal’e quale ecc.».

-----
Il medesimo orrore (tal'altra) si riscontra nella grammatica (alla voce 'elisione') di cui diamo il collegamento:
http://books.google.it/books?id=rWibaAqN4mAC&pg=PA59&lpg=PA59&dq=%22lo+iato%22+grammatica+pratica+dell'italiano+dalla+a+alla+z&source=bl&ots=M-VVFNCYGC&sig=dxstkC5qlhayt-5EYgbs3TzG53M&hl=it&ei=XGWvTeC0HobXsgby-PnWDA&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=1&sqi=2&ved=0CB0Q6AEwAA#v=onepage&q&f=false

Nessun commento: