Visite dal primo febbraio 2017

domenica 7 ottobre 2012

Ubbidire? Anche transitivo

Non tutti i vocabolari ne fanno menzione, ci sembra importante, però, spendere due parole sul verbo “ubbidire” perché può essere anche transitivo e, quindi, passivo. È transitivo, soprattutto, se si riferisce alla persona che dà ordini: Michele ubbidí suo padre. La forma transitiva è rara, per la verità, ma correttissima: «In che posso ubbidirla?», disse don Rodrigo, piantandosi in piedi nel mezzo della sala (Manzoni). Piú frequente la forma passiva: «… Ingiunzione forse saggia, ma che non venne mai ubbidita (Lampedusa).


 http://www.etimo.it/?cmd=id&id=18954&md=e7239bb2ee93bb35b66141e39a8b1568

Nessun commento: