Visite dal primo febbraio 2017

venerdì 24 agosto 2012

Tagliare i panni addosso (a qualcuno)






Chi non conosce questa locuzione, che in senso figurato significa “criticare”, “parlar male”, “fare maldicenza”, “spettegolare”, “denigrare” (qualcuno)? L’espressione – è evidente – è un traslato del significato proprio della locuzione: per fare un vestito, il sarto prima prende le varie misure del corpo, poi traccia sulla stoffa, con il gesso, il segno del taglio, infine imbastisce le varie parti e le prova sul corpo del cliente. Durante quest’ultima operazione osserva con la massima cura il suo operato e comincia a tagliare la stoffa qua e là al fine di correggere eventuali difetti. Allo stesso modo, metaforicamente, coloro che ‘tagliano addosso i panni’ a qualcuno studiano nei minimi particolari la persona sulla quale puntano i loro strali per metterne in evidenza i difetti, le colpe, le debolezze e su queste ‘imbastiscono’ i loro discorsi.
Francesco Berni, poeta burlesco e satirico del XVI secolo, ci dà un bellissimo esempio di questo modo di dire: Cantai di lei, come tu sai, l’altr’anno / E come ho detto, e tagliai la vesta / Larga, e pur mi rimase in man del panno. / Però de’ fatti suoi quel ch’a dir resta, / Coll’ajuto di Dio, si dirà ora; / Non vo’ ch’ella mi rompa piú la testa.
Anche nel Foscolo abbiamo un altro bell’esempio dell'espressione leggendo l’ “Epistolario” (V, 314): Per quanto gli altri mi taglino i panni addosso, mi resterà sempre intorno la coscienza, il velo trasparente dell’onestà.

* * *

Amate i dialetti d’Italia? Ecco un sito che fa per voi:

http://www.atlantelinguistico.it/home.html

Nessun commento: