Visite dal primo febbraio 2017

giovedì 14 giugno 2012

Il suffisso -ano







Due parole, due, sul suffisso -ano che - a volte – si trasforma in -iano. Quando? Andiamo con ordine. Il predetto suffisso serve per la formazione di nomi e aggettivi indicanti la condizione, l’origine e l’ufficio di una persona: italiano, napoletano, scrivano, cappellano, ortolano ecc. Muta in -iano se aggiunto ai nomi propri per indicare attinenza o appartenenza: cristiano (seguace di Cristo), berlusconiano (seguace di Berlusconi), andreottiano (da Andreotti), rossiniano (da Rossini), leopardiano (da Leopardi).

Nessun commento: