Visite dal primo febbraio 2017

domenica 20 maggio 2012

Ratire


Pregiatissimo Dott. Raso,
ancora una volta approfitto della sua nota cortesia per un ulteriore quesito. Mi è capitata sotto gli occhi una pagina di un giornale (non so di quale anno) in cui era incartato il pesce che mia moglie aveva acquistato al mercato. Un titolo ha attirato la mia attenzione: «Il malcapitato, ratente, è stato trasportato subito in ospedale». Che cosa significa “ratente”? Credo sia superfluo dirle che i vocabolari, da me consultati, non mi “hanno risposto”. Spero in lei. Ringraziandola anticipatamente dell’eventuale risposta, le porgo i miei più cordiali saluti.
Ludovico L.
------------------
Cortese Ludovico, ratente è il participio presente del verbo ratire e significa “rantolare”. Il poverino, quindi, già rantolava quando è stato trasportato in ospedale. Onestamente non so dirle perché il suddetto verbo sia ignorato dai vocabolari non essendo stato ancora relegato, credo, nella soffitta della lingua. Ho fatto una piccola ricerca nella Rete, mi sembra lo attesti solo il sito “Garzantilinguistica.it”. Faccio il copincolla: [ra-tì-re]
Lat. volg. *ragita¯re 'muggire, strillare', con cambio di coniugazione
v. intr. [io ratisco, tu ratisci ecc. ; aus. avere] (ant.) rantolare; emettere l'ultimo respiro.
Guardi anche questo collegamento:
https://www.google.it/search?tbm=bks&hl=it&q=%22ratire%22

Nessun commento: