Visite dal primo febbraio 2017

martedì 18 maggio 2010

"A crudo"


Ciò che stiamo per scrivere non sarà condiviso, forse, da qualche linguista “d’assalto”. Nel caso non ce ne facciamo un cruccio e andiamo avanti per la nostra strada. Veniamo al dunque. In tutti i programmi “gastronomici” delle varie emittenti televisive non si sente altro che l’espressione “a crudo”: l’olio va messo a crudo. Crudo, ricordiamolo, è un aggettivo e un sostantivo (http://www.etimo.it/?term=crudo&find=Cerca ) il cui significato primario è “non sottoposto a cottura” e non c’è alcun bisogno di farlo precedere dalla preposizione “a”: prosciutto crudo (non cotto, dunque). Qualcuno chiederebbe al pizzicagnolo di un supermercato “due etti di prosciutto ‘a’ crudo”? Perché l’olio o altre sostanze alimentari debbono essere “a crudo”? E a proposito di crudo, che in senso figurato significa “rude”, “duro”, “rozzo”, il corrispettivo avverbio è crudamente, non crudemente, come si sente e si legge spesso. Concludiamo ponendoci un interrogativo: a quando l’espressione “a cotto”?
--------
"A crudo", secondo il Tommaseo-Bellini, "dicesi di operazione fatta sopra le cose di terra prima di cuocerle" (vasi di terra, ecc.).

Nessun commento: