Visite dal primo febbraio 2017

mercoledì 21 aprile 2010

"Sottecchi" o "di sottecchi"?


Gentile dott. Raso,
seguo con interesse le sue “noterelle” da diverso tempo, e le trovo veramente impareggiabili. Speriamo che il problema tecnico del Cannocchiale (http://www.faustoraso.ilcannocchiale.it/) si risolva al piú presto perché quel sito è ricco di collegamenti interessantissimi e utili. E vengo al dunque. È corretto dire “guardare sottecchi”? Non si deve dire “di sottecchi”?
Grazie e cordiali saluti.
Giovanni M.
Terni
------------------
Cortese amico, la ringrazio innanzi tutto per le sue belle parole: mi spronano a impegnarmi sempre di piú. Quanto alla sua domanda la risposta è affermativa: l’avverbio ‘sottecchi’, che significa “con la coda dell’occhio”, si può adoperare anche senza la preposizione “di”. Non solo, si possono usare anche le varianti - rare, per la verità - “sottecche” e “sottecco”. Sembrerebbe, sotto il profilo etimologico, la forma ‘alterata’ di “sottocchio” (o sott’occhio), che non è la stessa cosa, però. Tenere qualcuno sottocchio significa ‘tenerlo d’occhio’, mentre guardare qualcuno di sottecchi significa ‘sbirciarlo’, guardarlo senza che questi se ne accorga. Veda anche questo collegamento:
http://www.etimo.it/?term=sottecchi&find=Cerca

* * *

Dalla rubrica “Scioglilingua” del Corriere della Sera in rete:

Farci l'osso
Farci l'osso ovvero abituarsi a qualcosa.
Non mi spiego la similitudine e perciò interrogo questo Forum, così bene frequentato.
(Firma)
Risposta dell’esperto:
De Rienzo Martedì, 20 Aprile 2010
La parola dunque al Forum.
-------------------
Cortese Professore,
l’espressione “farci l’osso” è l’equivalente della locuzione popolare “farci il callo”, di significato intuitivo: abituarsi a qualcosa di sgradevole, e quindi non provare piú fastidio o sofferenza.


Nessun commento: