Visite dal primo febbraio 2017

venerdì 26 marzo 2010

Il ventre non ha orecchi

Questo modo di dire, poco conosciuto, forse, e di origine proverbiale, vuole ricordare che le persone povere o, meglio, la povertà rappresentata dal ventre vuoto non è in condizione di ascoltare altro se non il proprio bisogno. L’espressione allude a una favola di La Fontaine in cui si narra di un bellissimo usignolo catturato, un giorno, da un nibbio furibondo per la fame. L’uccellino tentò, con tutti i mezzi, di convincere il rapace a lasciarlo libero, a farlo vivere e gli fece ascoltare la “bellezza” del suo canto. Ma tutto si rivelò inutile. Il nibbio era decisissimo a non mollare la preda perché, gli rispose, “mi dispiace per te, ma il mio ventre non ha orecchi”. Il proverbio, però, già esisteva in epoca latina da dove, probabilmente, La Fontaine ha attinto per la sua favola. Racconta, infatti, Plutarco che Catone cominciò la sua “arringa” contro il lusso e le spese eccessive dicendo: “È difficile parlare al ventre, privo di orecchi”.

Nessun commento: